Unibo MagazineUnibo Magazine
Home Archivio L’Alma Mater ha il suo nuovo Rettore. E’ il prof. Ivano Dionigi

L’Alma Mater ha il suo nuovo Rettore. E’ il prof. Ivano Dionigi

Quarto turno: ballottaggio tra il latinista Ivano Dionigi e il farmacologo Giorgio Cantelli Forti. L’esito dello spoglio, la sera del 28 maggio, assegna la vittoria al professore di Lettere con 1282 voti. Mentre lo sfidante si ferma a quota 902.
Dionigi

Ivano Dionigi, che ha avuto la meglio sugli altri 6 candidati, sarà Rettore dell’Alma Mater a partire dal 1 novembre 2009. Prenderà il posto di Pier Ugo Calzolari, che ha retto l’Ateneo per due mandati a partire dal 2000.


Per la sua vittoria, il 28 maggio al ballottaggio, (quarto turno previsto dallo Statuto di Ateneo a maggioranza semplice) sono stati necessari 1282 voti (56,9%), mentre lo sfidante, il prof. Giorgio Cantelli Forti ne ha conquistati 902 (40%). A questi si aggiungono poi 31 schede nulle, 36 bianche per un totale di 2251 votanti.

Ordinario di Letteratura Latina Ivano Dionigi, 61 anni pesarese di origine e bolognese di adozione, è cresciuto come ricercatore e docente all'Università di Bologna.  Prima professore straordinario all’Università Ca' Foscari quindi dal 1994, ordinario alla Facoltà di Conservazione di Beni culturali di Ravenna. Dal 1 novembre 1997 ricopre la I Cattedra di Letteratura Latina, come successore del Prof. Alfonso Traina, alla Facoltà di Lettere e Filosofia.

La sua ricerca negli anni si è orientata su versanti molteplici: romano e greco, pagano e cristiano, classico e umanistico, latino e italiano, antico e moderno. L'indagine sui testi, sollecitata all'inizio da interessi prevalentemente concettuali si è successivamente incentrata sul piano linguistico-filologico e critico-testuale. Tra gli autori studiati due nomi spiccano su tutti: Seneca e Lucrezio.


Da segnalare inoltre, soprattutto nell’ultimo decennio, una nuova e duplice direzione di ricerca: da un lato, l'interesse per i rapporti fra discipline umanistiche e scienze "esatte", da inquadrare secondo un nuovo paradigma di congiunzione e alleanza, che superi la tradizionale impostazione delle "due culture"; dall'altra, un'intensa attività di divulgazione della cultura classica, che Ivano Dionigi ha perseguito attraverso il Centro Studi La permanenza del Classico, di cui è fondatore e direttore dal 1999.


E proprio durante l’ultima serata del ciclo dei classici, giunto quest’anno all’VIII edizione, mentre in Aula Magna Luca Zingaretti recitava i versi dell’Antico e Nuovo Testamento, di Esiodo e di Solone, dopo la lezione di Enzo Bianchi e Guido Rossi, le urne elettorali decretavano il verdetto finale assegnando al prof. Dionigi il ruolo di Rettore dell’Alma Mater per i prossimi 4 anni.