Unibo Magazine Unibo Magazine
Home Incontri e iniziative Aron Pilhofer all'Alma Mater per parlare di comunicazione e nuove tecnologie

Aron Pilhofer all'Alma Mater per parlare di comunicazione e nuove tecnologie

Il direttore dell'interactive news service del New York Times ospite d'eccezione di CommuniAction: una giornata per capire come comunicazione e nuove tecnologie possano diventare leve di innovazione per l’impresa e per la ricerca
Aron Pilhofer all'Alma Mater per parlare di comunicazione e nuove tecnologie

Studenti, professori, professionisti ed imprese si confrontano su comunicazione e nuove tecnologie come leve di innovazione per l’impresa e per la ricerca. L'evento si chiama CommuniAction e si tiene domani, dalle 9,30, nell'Aula Poeti di Palazzo Hercolani. Lo promuovono il Dipartimento di Scienze politiche e sociali dell'Università di Bologna, la Laurea magistrale in Scienze della Comunicazione pubblica e sociale e Placevent - Laboratorio di Organizzazione eventi e placement.

Ospite d’eccezione della giornata sarà Aron Pilhofer, direttore dell'interactive news service del New York Times, che interverrà sul tema "Tecnologie e nuovi mezzi di comunicazione: contenuti, competenze e interrogativi sul riconoscimento della professionalità del comunicatore".

Saranno poi presentati due video, frutto del lavoro compiuto dalla community del Laboratorio Placevent: gli studenti hanno scritto, discusso e commentato in aula e attraverso i social media le diverse sfaccettature dei compiti professionali del comunicatore, e a CommuniAction propongono di individuare processi ed esperienze virtuose che legano innovazione, informazione e nuove tecnologie. Nella seconda parte della mattinata suggeriscono quindi un nuovo format, la staffetta: un gioco di squadra fatto di rapidi passaggi di testimone, in cui dieci esperti si fanno portavoce ognuno di un aspetto specifico della comunicazione nel mondo del lavoro. L’idea è di valorizzare una community di pratiche professionali che riguardano non solo il marketing commerciale ma anche quello civico, di promozione della cittadinanza.