Unibo Magazine Unibo Magazine
Home In Ateneo Pausa Pranzo @ Unibo, il nuovo punto ristoro per gli studenti dell'Alma Mater

Pausa Pranzo @ Unibo, il nuovo punto ristoro per gli studenti dell'Alma Mater

In via Petroni, a pochi passi da piazza Verdi, i nuovi locali sono aperti dalle 11,30 alle 15,30: 115 metri quadrati con cinquanta posti a sedere, dieci forni a microonde, lavabo, servizi igienici, distributori di snack e bevande
Pausa Pranzo @ Unibo, il nuovo punto ristoro per gli studenti dell'Alma Mater

Una cinquantina di posti a sedere, dieci forni a microonde, un lavabo, alcuni distributori di snack e bevande calde e fredde. Sono le dotazioni del nuovo spazio di 115 mq (dotato anche di servizi igienici) Pausa Pranzo @ Unibo, inaugurato questa mattina alla presenza del rettore Ivano Dionigi, del prorettore agli studenti Roberto Nicoletti, della direttrice di ER.GO (Azienda regionale per il diritto agli studi superiori) Patrizia Mondin e della presidente del quartiere San Vitale Milena Naldi.

Nei locali di via Giuseppe Petroni (quasi all’angolo con Piazza Verdi), gli studenti dell’Alma Mater potranno consumare il proprio pasto tra le 11,30 e le 15,30. Per entrare sarà necessario esibire il badge universitario.

Parallelamente ER.GO ha attivato il servizio Pausa Pranzo @ Le Residenze Universitarie anche presso le residenze Irnerio (Piazza Puntoni, 1) e Morgagni (Largo Trombetti, 1/2 ). Si crea così un ideale percorso lungo un buon tratto di via Zamboni in cui è possibile mangiare tra una lezione e l’altra concedendosi un break tra gli impegni della giornata universitaria.

"Confido che esperienze come queste, d’intesa con ER.GO, possano essere estese e possano contribuire a risolvere il bisogno primario del vitto dei nostri studenti" ha detto il rettore Ivano Dionigi.

E ci sono già alcuni progetti per prolungare l’apertura dello spazio Pausa Pranzo anche dopo le 15,30. "Pensiamo di affidare questo locale - dice Roberto Nicoletti - ad alcune associazioni studentesche (ESN e ESEG) che si occupano dell’accoglienza degli studenti internazionali e hanno bisogno di luoghi per i tandem linguistic". I tavolini e le sedie, una volta ripuliti dopo il pasto, potranno quindi ospitare le coppie di studenti di madrelingua diversa che si esercitano nella conversazione e nell’apprendimento linguistico.