Unibo MagazineUnibo Magazine
Home In Ateneo Una delegazione dell'Università russa di Gubkin in visita all'Alma Mater

Una delegazione dell'Università russa di Gubkin in visita all'Alma Mater

Discusso e firmato anche un accordo di cooperazione tra l'università russa e il Dipartimento di Ingegneria Chimica, Ambientale e dei Materiali.
delegazione

Una delegazione in rappresentanza dell’università russa "Gubkin State University of Oil and Gas" di Mosca, della Fondazione "National Environmental Management and Cleaner Production Center for Oil and Gas Industries" e della sede russa dell’UNIDO, l’organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale, ha visitato il Dipartimento di Ingegneria Chimica, Ambientale e dei Materiali e incontrato i prorettori Carla Salvaterra e Dario Braga. Erano presenti il direttore esecutivo della Fondazione, Sergey Ostakh, e la dottoressa Ekaterina Ivanova di UNIDO.


La delegazione è stata accolta in mattinata presso la sede di via Terracini dal direttore del dipartimento DICAM, Francesco Ubertini, e dai professori Ezio Mesini, Valerio Cozzani e Paolo Macini. Sono stati discussi i reciproci temi di interesse tra cui, in particolare, l’ingegneria chimica e degli idrocarburi. 

Nel pomeriggio la delegazione si è spostata in Rettorato per la discussione e la firma di un accordo di cooperazione tra l’università Gubkin e il Dipartimento. L’accordo prevederà attività congiunte di ricerca, trasferimento tecnologico, mobilità di studenti e ricercatori e attività volte ad ampliare le conoscenze e le relazioni tra le due realtà. Durante l’incontro è stata anticipata la possibilità di ampliare in futuro l’accordo a tutto l’ateneo, permettendo quindi un’intensificarsi degli scambi e delle relazioni reciproche.


L’università Gubkin è stata fondata a Mosca nel 1930 per promuovere lo studio e lo sviluppo dei settori strategici del petrolio, del gas e degli idrocarburi. Oggi l’università è un centro rinomato a livello internazionale e all’avanguardia nei temi chiave della ricerca in questi ambiti.