Unibo Magazine Unibo Magazine
Home In Ateneo A una ricercatrice Unibo il premio "Donna Eccezionalmente Creativa"

A una ricercatrice Unibo il premio "Donna Eccezionalmente Creativa"

Il riconoscimento è andato ad a Angela Bellia, Marie Curie Researcher al Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Bologna. Ad assegnarlo è stata l'Associazione Italiana Donne Inventrici e Innovatrici

"Donna Eccezionalmente Creativa" è il premio che l'Associazione Italiana Donne Inventrici e Innovatrici (ITWIIN) ha assegnato ad Angela Bellia, ricercatrice al Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Bologna.

Il riconoscimento alla studiosa Unibo è arrivato per il suo lavoro di ricerca archeologica e musicale nell'ambito del progetto europeo "TELESTES. Musics, Cults and Rites of a Greek city in the West", finanziato nell’ambito del programma di ricerca di eccellenza e di alta qualificazione IOF delle Marie Curie Actions.

Sono state 23 le candidate finaliste selezionate che hanno presentato le loro idee di innovazione ed invenzione alla Giuria di quest’anno, formata dalla presidente ITWIIN Rita Assogna, specialista nel mondo dei brevetti europei, e da figure di spicco dell’economia (Piero Formica), della ricerca (Chatgilialoglu, Tartari, Torsi, Zamboni), dei materiali (Costi), dell’imprenditoria (Ducato) e incubatori di idee (Roggeri).

"Grazie alla natura multidisciplinare e intersettoriale del suo lavoro - si legge nelle motivazioni - Angela Bellia ha conquistato la prestigiosa Marie Curie International Outgoing Fellowship finanziata dall’Unione Europea all’Università di Bologna e alla New York University, dove la ricercatrice collabora, come esperta Archeomusicologa, alle indagini condotte dal team della Missione Archeologica Americana dell’Institute of Fine Arts. I risultati del suo lavoro di ricerca offrono un significativo contributo non soltanto alla ricerca archeologica e musicale, ma anche alla metodologia per l'uso della tecnologia digitale ed acustica in ambiente virtuale. Inoltre, la ricerca di Angela Bellia contribuirà a superare i metodi tradizionali di studio delle discipline umanistiche di ambito antichistico, aprendo nuove e ampie possibilità di applicazione nel campo delle Digital Humanities e del Digital Heritage e creando nuove figure professionali in grado di reinventare e proiettare nel futuro la cultura umanistica".

Il Premio ITWIIN è destinato a imprenditrici, professioniste e ricercatrici italiane (o residenti in Italia) che operano sul territorio nazionale. Le categorie in cui il Premio è suddiviso sono: "Migliore Inventrice", "Migliore Innovatrice", "Donna Eccezionalmente Creativa", "Capacity Building" e "Alta Formazione".