Unibo Magazine Unibo Magazine
Home Libri Musicians in Ancient Coroplastic Art. Iconography, Ritual Contexts, and...

Musicians in Ancient Coroplastic Art. Iconography, Ritual Contexts, and Functions

Autore: A cura di Angela Bellia e Clemente Marconi

Editore: Istituti editoriali e poligrafici internazionali

Prezzo: 48 euro

Il volume raccoglie gli atti di un convegno sull'archeomusicologia tenutosi il 7 marzo 2015 presso l'Istituto di Belle Arti dell'Università di New York. Ai partecipanti è stato chiesto di affrontare in modo sistematico non solo l'iconografia, ma anche i contesti rituali e le funzioni delle rappresentazioni di musicisti nell'arte coroplastica del mondo antico

L'iconografia dell'arte musicale è un campo di ricerca notevole per il suo carattere interdisciplinare intrinseco, che coinvolge una vasta gamma di specialisti all'interno e oltre i confini della musicologia, comprendendo, tra gli altri, etnologi, storici culturali, storici dell'arte, archeologi e storici della religione. Questo volume raccoglie gli atti di un convegno sull'archeomusicologia tenutosi il 7 marzo 2015 presso l'Istituto di Belle Arti dell'Università di New York. Ai partecipanti è stato chiesto di affrontare in modo sistematico non solo l'iconografia, ma anche i contesti rituali e le funzioni delle rappresentazioni di musicisti nell'arte coroplastica del mondo antico.

Obiettivo della conferenza, e degli atti, è stato integrare l'arte coroplastica con l'iconografia musicale nel corpus delle fonti e della documentazione per lo studio della musica antica e di considerare le figurine di musicisti maschili e femminili come emblematiche dello stretto legame tra la pratica musicale e le sfere religiose e rituali.

Le figurine in terracotta sono infatti una particolare classe di manufatti che sembra essere stata profondamente radicata nella vita sociale, inclusi contesti sacri, domestici e funerari. Queste immagini contribuiscono alla ricostruzione di ciò che la musica e la produzione di musica significava per le società antiche e forniscono anche informazioni sulla relazione tra rito e divinità e su quali strumenti musicali fossero più adatti alle diverse occasioni rituali, comprese quelle sacre e funerarie.