Unibo Magazine Unibo Magazine
Home In Ateneo La formazione in un mondo che cambia: Unibo in Colombia e Cile

La formazione in un mondo che cambia: Unibo in Colombia e Cile

Una delegazione dell'Alma Mater, in questi giorni, in visita presso le Università sudamericane. Tra gli incontri in programma a Bogotà, la Lecture del Rettore Francesco Ubertini sulla formazione futura, e alcuni momenti di condivisione con gli studenti che hanno partecipato ai programmi di scambio, grazie agli accordi tra le Università

Fotoracconto

Universidad del Rosario e Universida National de Colombia, le tappe colombiane che hanno visto, i giorni scorsi, il Rettore Francesco Ubertini e la Prorettrice alle Relazioni internazionali dell'Alma Mater, Alessandra Scagliarini, impegnati in incontri con i Rettori delle due Università, José Manuel Restrepo e Ignacio Mantilla Prada, per confermare e potenziare gli accordi che favoriscano le opportunità di scambio e di tirocinio tra studenti e docenti. Momenti di condivisione anche con gli studenti colombiani entrati in contatto con il mondo Unibo e con chi, al contrario, dall'Alma Mater oggi insegna a Bogotà.

Due giornate intense, lunedì 13 e martedì 14 marzo, a Bogotà, presso le due Università colombiane che hanno ospitato il Rettore Francesco Ubertini e la Prorettrice Alessandra Scagliarini. Speech, incontri, convegni, momenti di condivisione che hanno portato all'attenzione due temi molto importanti per l'Università: l'impatto positivo degli accordi che, negli ultimi dieci anni, hanno mobilitato un centinaio di studenti tra le Università della Colombia e l'Ateneo bolognese, e l'importanza di vivere "insieme" momenti di formazione e trasmissione della conoscenza, superando barriere e diversità.

Il soggiorno colombiano ha avuto inizio con la Lecture tenuta dal Rettore Ubertini, nell'Aula Maxima dell'Università del Rosario, dal titolo "La sfida del futuro: il ruolo della formazione in un mondo che cambia” con cui è stato sottolineato come qualsiasi tipo di formazione funziona solo se diventa reale stimolo di curiosità nei confronti del mondo. "L’idea di formazione, così come la concepiamo oggi, ma forse come è sempre stata pensata, - afferma Ubertini - non può essere separata dall’idea di futuro. La curiosità viene prima di qualsiasi scelta, prima di qualsiasi decisione sul proprio futuro professionale. Nel mondo della tecnologia avanzata, dobbiamo fare in modo che lo strumento tecnologico non elimini il desiderio di conoscere ma anzi lo incrementi. Solo una buona convivenza tra tecnologia e curiosità può garantire la riuscita della formazione futura".

Tra le testimonianze, quella di Maria Valentina Charry Padilla, studentessa del Programa de Psicología dell'Università del Rosario, che dopo aver trascorso due semestri all'Università di Bologna e al Campus di Cesena, per il doppio titolo di Laurea magistrale in Psicologia clinica, ha espresso la sua gratitudine e soddisfazione per quanto appreso e vissuto. Fondamentale è stato il supporto dei docenti e in particolare della prof.ssa Bruna Zani e dei colleghi universitari: "Le lezioni seguite all'Università di Bologna - racconta Maria Valentina - hanno contribuito alla mia esperienza accademica e culturale. Oggi, un mese dopo il mio rientro in Colombia, posso dire che l'Università del Rosario e l'Università di Bologna rappresentano uno dei pilastri della formazione per il XXI secolo, insegnando che è fondamentale imparare a vivere insieme, lavorare in squadra, essere tolleranti e uniti".

La giornata del 14 marzo è stata, invece, dedicata al Convegno sul Diritto Tributario comparato Europa - America latina, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Universidad del Rosario, organizzato dal prof. Adriano Di Pietro e dal prof. Mauricio A Plazas Vega, aperto dal Rettore Francesco Ubertini come rappresentante dell'Università in cui è nato il Diritto. Nel corso della conferenza è stato soprattutto messo in risalto lo spirito internazionale dell'Alma Mater e la crescita avvenuta negli anni relativamente ai rapporti di collaborazione con le università latino-americane, tanto da far muovere moltissimi studenti, ogni anno, da Unibo alla Colombia e viceversa.

Gli incontri si sono poi spostati presso l'Universida National de Colombia dove il Rettore e la Prorettrice hanno incontrato il Rettore Ignacio Mantilla Prada e Catalina Arévalo Ferro, direttrice della Divisione Relazioni esterne (ERD). Importantissimi i rapporti di collaborazione anche con questa Università colombiana dove, da più di 5 anni, vengono portati avanti progetti di ricerca nei rispettivi Dipartimento delle Arti di Bogotà e di Architettura di Bologna, laboratori di laurea come “MEGALOPOLI Bogotà", a cura della prof.ssa Annalisa Trentin dell'Alma Mater.

Il viaggio in Colombia è terminato con la volontà di continuare a portare avanti, insieme, progetti che contribuiscano positivamente sulla formazione e la qualità della didattica, creando una sinergia sempre più forte e che, col tempo, potrà coinvolgere sempre più settori disciplinari e sedi.


A Santiago del Cile  il Rettore ha incontrato Ennio Vivaldi, Rettore dell'Universidad de Chile con cui è stata rinnovata la volontà di portare avanti accordi di collaborazione per scambi di mobilità docenti e studenti. A Valparaiso, oltre agli incontri istituzionali con il Rettore Aldo Valle, la delegazione Unibo ha fatto visita alla Scuola italiana di Valparaiso, per bambini e ragazzi dai 3 ai 18 anni.